Eventi

Torna indietro

EUGENIO DI SAVOIA E GIULIO MAZARINO: UNA PARENTELA DIMENTICATA E AFFINITÀ SORPRENDENTI. IX APERITIVO CULTURALE

24/10/2017
Sala Principe Eugenio dell'Associazione Immagine per il Piemonte

Giovedì 26 ottobre 2017 - Sala Principe Eugenio, Sede AIP via Legnano 2/b, Torino, alle ore 18,00

 

EUGENIO DI SAVOIA e GIULIO MAZARINO: una parentela dimenticata e affinità sorprendenti.
Nel 354^ anniversario della nascita del Principe sabaudo (Parigi, 18 ottobre 1663)

§ § § 

Conferenza a cura di: Secondo FURNO MARCHESE, Associazione Immagine per il Piemonte. Introduce: Pietro TERZOLO, presidente del Centro Studi Eugeniani (Villa San Secondo-Asti). Modera: Vittorio G. CARDINALI, giornalista e biografo del principe Eugenio. 

I Savoie-Soissons erano princes etrangers ma il loro vero nome fu Savoie-Carignan, titolo che assunsero nel 1662 e che non aveva nulla a spartire con il feudo piemontese di Carignano. Si trattava infatti del prévôté d'Yvoy nelle Ardenne acquisito dalla Francia ed elevato a ducato per Eugène Maurice, 1° conte di Soissons della nuova dinastia discesa da Tommaso di Carignano.

Fra le calunnie che gli storici francesi adottarono e che si perpetuano fino a oggi con Wikipedia ci fu anche la nascita del primo figlio di Eugène Maurice, la cui paternità fu attribuita a Luigi XIV: il re crebbe con le “Mazarinettes” e si infatuò a turno di quasi tutte ma il suo grande amore fu Maria che egli era deciso a sposare (ma Mazarino si oppose) e che peraltro giunse vergine al matrimonio.

Il padre di Giulio Piero era figlio di Girolamo Mazarini e di Margherita De Franchis Passavera (secondo alcune fonti nobile): Piero si mise al servizio dei Colonna di Palliano che avevano avuto in feudo in Sicilia il principato di Butera. Piero servì Filippo Connestabile di Napoli come ciambellano e amministratore di feudi, inoltre Filippo organizzò il suo matrimonio con Ortensia Buffalini, una nobildonna di Città di Castello, Giulio fu il primogenito di questo matrimonio. Non sorprende che durante la Fronda, che fu la prima grande campagna mediatica della storia, peraltro organizzata da autentici geni come Scarron e il cardinale di Retz, si attribuissero al cardinale le origini e le vicende per i tempi più infamanti; può sorprendere invece che esse venissero riprese anche da molti storici. Il principale responsabile fu Jules Michelet, che ebbe una grande influenza su A. Dumas: di qui il ridicolo ritratto di Mazarin nel ciclo dei Tre Moschettieri, poi riciclato da innumerevoli mass media….
Secondo Furno Marchese

 

 
Associazione Immagine per il Piemonte
Sede Sociale: via Legnano 2/b - 10128 Torino - Italia
Tel 335.216045 - 348.4435212 - info@immagineperilpiemonte.it
css - xhtml
Informativa utilizzo cookie
Copyright 2015 - Codice fiscale 97550850016

artemedia.it